Corpo e mente in simbiosi

L’aumento del grasso corporeo non sempre è dovuto a un’iperalimentazione, ci sono persone che addirittura mangiano quantitativi al di sotto della media ma non perdono peso, anzi accumulano grasso. Come mai succede questo? 

Le motivazioni possono essere di carattere fisiologico e/o psicologico. Il rapporto con il cibo nasce fin dall’infanzia, spesso il bimbo compensa una situazione di disagio con il cibo. Da quel momento il cibo diventa una valvola di sfogo che non fa altro che peggiorare il disagio e porta all’accumulo di grasso.

Al giorno d’oggi il cibo è di facile disponibilità e molte persone tendono a trovare in esso una valvola di sfogo. Cercano di far tacere i dolori e le sofferenze mangiando, ma purtroppo il cibo non risolve i problemi, anzi peggiora la situazione.

La negatività e i momenti brutti sono la cosa più difficile da superare in determinate situazioni, tutti abbiamo momenti difficili, ma siamo noi che controlliamo i nostri pensieri e i nostri stati d’animo. Noi stessi siamo capaci di scegliere la felicità, sta a noi assumere il controllo della mente.

Molte persone cercano di far tacere i dolori e le sofferenze mangiando. Il cibo però non risolve il problema. 

E’ solo un cerotto su una ferita che non è stata curata, perché le emozioni continuano a non essere espresse nel modo giusto. 

“Odio il mio aspetto”, “Sono una fallita”, “Non posso farcela”. Questo è dubitare di sé stessi e pensare negativo. Più lo dirai a te stesso più si avvicinerà alla tua realtà abbattendoti giorno dopo giorno. 

Se imparate a gestire le vostre emozioni in maniera sana, potrete ascoltare e capire il messaggio che il vostro corpo vi sta inviando.

Se vi prendete cura del vostro corpo, curerete anche le vostre emozioni. Ricordate che vivrete tutta la vita con il vostro corpo, quindi vale la pena prestargli attenzione e dargli le giuste cure. 

Elena Cerasela Sandu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *