Nasce il Consorzio del Wellness

Il motto “l’unione fa la forza” è sempre più attuale nel mondo del fitness e del wellness in Italia.

Forse sarà uno dei pochi effetti positivi della “crisi” e dell’invasione di low cost e multinazionali del fitness?!Wellness Quality Net

Dato di fatto è che in tanti gestori di palestre e centri wellness si fa strada la consapevolezza che stare uniti può contribuire alla crescita delle proprie aziende e di tutto il settore.

Una tappa importante, che si spera resterà nella storia, è proprio il 23 aprile 2013. Circa 50 tra manager e titolari di club si sono incontrati a casa Technogym, il tempio italiano del wellness, per dare vita al consorzio Quality Wellness Net.

Un’idea genovese di brillanti manager del settore che rapidamente ha contagiato decine e decine di colleghi di tutto lo stivale.

Un progetto presentato in “punta di piedi”, senza alcuna presunzione di avere la ricetta perfetta ma con l’umiltà e la voglia di aprire un confronto e di cercare  adesione e coesione per affrontare operativamente importanti problematiche gestionali. Un ottimo approccio!


WQN vuole essere un vero e proprio consorzio del wellness che concentra la sua attenzione principalmente su tre punti:

– raggiungimento di economie di scala attraverso una rete di collaborazione virtuosa;

– realizzazione di un sistema di formazione basato su esigenze concrete e rivolto ad incrementare la qualità dei servizi offerti;

– creazione di un brand che certifica la qualità dei consorziati sotto tutti i punti di vista.

Un’operazione importante che punta a ottenere per piccoli e medi club di qualità nuovi punti di forza tipici delle aziende strutturate in “catene”.

tab4

tab3

La complessità dell’iniziativa potrebbe scoraggiare anche gli imprenditori più convinti e tenaci. Ma quando a proporla sono giovani manager carichi di entusiasmo e di competenze, allora le speranze che il progetto vada in porto sembra essere più concrete.

WQN non può aspettare e i presenti, anche quelli più scettici, danno subito la loro adesione ed il via a sperimentare le prime trattative da consorzio partendo proprio dalle forniture energetiche.

Nulla è improvvisato. Le idee sono molto chiare.

La struttura che gestirà il Consorzio sarà snella, trasparente ma efficiente.

Oltre alle forniture energetiche, bisogna trattare su materiale di consumo, sul merchandise, sull’acquisto di attrezzature, sulla stipula delle polizze assicurative, ecc ecc.

Il WQN non è assolutamente aperto a tutti. Esistono degli specifici requisiti di ammissione basati prevalentemente sul concetto di qualità, stabiliti e controllati da un Comitato di Controllo eletto da un’Assemblea.

La formazione è programmata da un comitato scientifico che definisce specifici percorsi formativi.

In bocca al lupo Consorzio Wellness Quality Net!

Carmine Preziosi


6 pensieri su “Nasce il Consorzio del Wellness

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *