Podcast: cosa sono e come possono tornare utili nel fitness

Era da tanto tempo che non scrivevo un articolo e me ne scuso con i lettori di questo blog anche se sono stati pubblicati tanti contenuti validi di collaboratori esterni.

Uno dei motivi della mia pausa è anche il progetto del mio primo libro sul marketing digitale per palestre, centri wellness e piscine che prestò sarà pubblicato dalla casa editrice Il Campo di Bologna.

Proprio durante il percorso di approfondimento che mi ha portato a scrivere il libro ho avuto modo di studiare uno strumento di marketing digitale che conoscevo poco ma che, dati statistici alla mano, sui mercati digitali di alcuni paesi come gli USA, sta riscuotendo un grande successo.

E come sapete bene, soprattutto nel marketing, quello che succede negli Stati Uniti dopo qualche anno si verifica anche in Italia!

A dire il vero c’è una persona che mi ha dato il primo input. Si chiama Cristian Itali, ex DJ e tecnico informativo, adesso personal trainer e titolare di una bellissima fitness boutique a Fiumicino di nome DROP che ha lanciato proprio in questi giorni la prima serie di podcast. Credo il primo esperimento nel mondo del fitness.

Li potete scaricare da Itunes oppure li potete ascoltare anche direttamente sul sito a questo indirizzo http://www.droptispingeoltre.it/dropcast/ 

Si, sto parlando dei Podcast.

 




In questo articolo vi spiego cosa è un podcast e come può essere implementato nelle strategie di web marketing di una azienda.

Il Podcast va inquadrato in una strategia di content marketing, trattandosi di uno strumento utile per erogare contenuti utili ed interessanti al nostro target di utenti.

Podcast è l’unione di due termini: iPod e Broadcasting. Il primo è il nome dato da Apple ai suoi lettori MP3 portatili, mentre il secondo è un termine più tecnico che appartiene al mondo della radio/tv diffusione. La sintesi di questi due termini ci spiega la funzione del podcast, ossia una trasmissione radio o video (da intendere come un programma o, comunque, un contenuto) registrata digitalmente e resa disponibile su Internet ma anche scaricabile e riproducibile in un secondo momento, anche su un lettore portatile.

Per farvi meglio capire vi riporto l’esempio delle radio che solitamente utilizzano i podcast, ossia registrano le loro trasmissioni e le rendono scaricabili successivamente per coloro che non sono riusciti a seguire la diretta.

Il podcast può essere scaricato gratuitamente o a pagamento direttamente da un sito Web, magari all’interno del blog, oppure tramite un apposito software detto aggregatore (iTunes è il principale software aggregatore in circolazione).

Il perché del crescente successo che sta attraversando il podcast sta nel fatto che è uno strumento perfetto per intrattenersi e per imparare, ma soprattutto perché aiuta a sfruttare bene i minuti che impieghiamo nel traffico, a passeggio con il cane, mentre giriamo in bicicletta o ci alleniamo in palestra, intervalli di tempo che non potremmo usare per leggere un libro o per svagarci guardando un film.

Non mi dilungo nello spiegare come si crea e si pubblica un podcast visto che potete trovare in rete numerosi articoli di siti internet specializzati che lo spiegano in modo semplice ma molto approfondito (questo è uno dei migliori pubblicato in rete di recente: https://www.mysocialweb.it/2017/08/08/come-creare-un-podcast/), ma vorrei darvi qualche dritta su come implementare i podcast nella strategia di digital marketing della vostra palestra, del vostro centro wellness o della vostra piscina.




La prima cosa da fare è partire da un piano editoriale concentrato su argomenti di interesse del proprio target. Stesso meccanismo della gestione del blog aziendale insomma. Il target può essere il potenziale cliente che vuole essere informato ad esempio su tematiche della salute e dell’attività fisica, oppure chi è già cliente e vuole approfondire tematiche sul benessere complementari ai programmi di allenamento che sta svolgendo.

Le “voci” del podcast possono essere i trainer oppure anche professionisti direttamente o indirettamente collegati all’azienda, come nutrizionisti, ortopedici, cardiologi e più in generale medici che possono trattare argomenti legati al benessere dell’individuo.

Il podcast non deve necessariamente avere un taglio istituzionale o scientifico ma volendo anche ludico e di intrattenimento: interviste ai clienti, racconti di storie di trainer, ecc.

Il podcast deve diventare un appuntamento fisso, magari settimanale, possibilmente non lunghissimo, e va promosso attraverso tutti i canali di comunicazione sia online che offline che abbiamo a disposizione.

Qualcuno di voi ha già creato dei podcast? Segnatemelo nei commenti 😉

 

Carmine Preziosi



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *