Come creare un’offerta su Facebook per i fitness club.

Da settembre dello scorso anno Facebook dà la possibilità alle pagine con più di 100 fan di pubblicare un’offerta commerciale sotto forma di couponing. In questo modo le aziende con pochi click possono lanciare le proprie proposte commerciali: è sufficiente pubblicare un’immagine, un link dello store online (se previsto), le condizioni di validità e il gioco è fatto.

Uno strumento molto semplice anche per l’utente finale che con pochi passaggi può aderire all’offerta.

Contribuisce a rendere la funzione “offerta” molto interessante l’effetto virale che Facebook garantisce: ogni adesione ad un’offerta viene segnalata sui profili degli utenti e quindi visibile dai loro contatti.

Uno strumento altamente performante e penetrativo, dunque, sul quale si può discutere solo sul reale tasso di conversione. La sottoscrizione dell’offerta, infatti, non obbliga l’utente ad effettuare subito l’acquisto sia che il coupon sia consumabile online che offline (presentazione al punto vendita). L’utente sostanzialmente prima ne approfitta scaricandola, ma poi non è detto che la consumi.

L’operazione ha un costo davvero accessibile che va da otto euro a salire in base al numero di utenti che si vogliono raggiungere.

Altro aspetto importante della funzione offerta è la possibilità di impostare esattamente la fascia di età e la posizione geografica del target di persone che si vuole raggiungere.

Vediamo di seguito i passaggi principali per impostare e i suggerimenti per farlo al meglio.

IMPOSTAZIONE DELL’OFFERTA 

La prima cosa da fare è quella di cliccare su “offerta, evento +”:

1

 

 

 

Selezionare, poi, dove l’offerta può essere rivendicata:

– Solo nel negozio: le persone possono mostrare ai dipendenti dell’azienda l’e-mail dell’offerta stampandola o visualizzandola sul loro smartphone;

– Nel negozio e online: le persone possono usufruire dell’offerta nella sede fisica o sul sito Web dell’azienda;

– Solo online: le persone possono utilizzare l’offerta solo visitando il sito Web.

2

Una volta definito il “luogo” di consumo si passa alla gestione delle “informazioni di base” dell’offerta.

La prima cosa da fare è caricare una immagine in miniatura e inserire un testo di 90 caratteri che descriva l’offerta:

34

Una volta inseriti i campi, cliccando su “anteprima”, è possibile vedere il risultato dell’offerta a video. Facebook invia anche una e-mail di test mostrando l’anteprima del coupon.

5

Successivamente bisogna:

–  impostare il budget che varia in base alla portata stimata di pubblico raggiungibile; la portata è legata indirettamente ai “mi piace” della pagina. In sostanza si riferisce alle persone che potrebbero vederla poiché visualizzata nello streaming dei nostri utenti, o semplicemente perché un nostro utente segue la nostra pagina.

– stabilire i requisiti del target che vogliamo raggiungere (sesso, età, luogo, ecc)

6

 

Cliccando “condividi” l’offerta è on line!

SUGGERIMENTI PER I FITNESS CLUB

Per quanto riguarda il settore fitness credo che la funzione “offerta” di facebook sia utile specialmente per fare offerte civetta nelle quali deve essere chiara e forte la convenienza economica per l’utente finale. Non deve essere, quindi, un mezzo per vendere un normale abbonamento di palestra ma principalmente per avvicinare nuovi potenziali clienti.

Bisogna fare attenzione al tipo di proposta commerciale e di sconto proposto in quanto l’offerta sarà ben visibile anche da coloro che sono già nostri clienti e che potrebbero infastidirsi nel vederla. L’ideale sarebbe pubblicare un’offerta accessibile anche a coloro che sono già nostri clienti.

Il successo dell’offerta dipende molto dall’intestazione che deve essere breve, diretta ed esaustiva, e dall’immagine che deve trasmettere la giusta emozione al potenziale cliente.

Consiglio vivamente di non abusare di questa iniziativa ma dosarla in maniera strategica in base alle iniziative del piano di marketing.


Nel caso di attivazione del coupon direttamente in palestra suggerisco di prevedere attività commerciali di up-selling o cross-selling attraverso le quali è possibile da subito rispettivamente offrire al consumatore qualcosa di maggior valore rispetto alla sua scelta d’acquisto iniziale (ad esempio un abbonamento di lunga durata) oppure mettere a disposizione prodotti o servizi aggiuntivi in qualche modo collegati con la scelta d’acquisto iniziale (ad esempio una lezione di personal training).

E’ fondamentale, per stimare le performance della promozione, misurare i principali dati numerici che essa genera. Tra questi, i più importanti sono certamente il numero di coupon richiesti e di coupon attivati: il primo è un dato ottenibile direttamente da facebook al termine della campagna, il secondo lo misureremo nel punto vendita oppure attraverso l’e-shop del nostro sito.

7

Altre informazioni da monitorare e da valutare sono:

– numero di visualizzazioni dell’offerta (che possono essere spontanee, virali e a pagamento)

– numero di “mi piace” all’offerta

– numero di condivisioni dell’offerta da parte degli utenti (chi ha voluto segnalare direttamente l’offerta ad un amico)

– numero di nuovi fan (coloro che cliccano mi piace sulla fan page) ottenuti durante il periodo di pubblicazione dell’offerta (l’effetto virale tipico dell’offerta genera automaticamente ulteriori “mi piace”)

E’ altresì importante tenere sotto controllo i commenti all’offerta da parte degli utenti e rispondere tempestivamente in caso di richiesta di maggiori informazioni.

Per maggiori approfondimenti vi consiglio di consultare la guida di facebook.

Carmine Preziosi


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *