Slim Belly fa perdere i chili ma fa aumentare il fatturato.

Slim Belly: l’innovativo metodo per il dimagrimento localizzato accontenta sia le palestre che i suoi frequentatori.

Il motivo numero 1 per cui una persona si iscrive in palestra è da sempre la volontà di migliorare la propria linea.

Statisticamente in Italia meno di 10 persone su 100 sono abbonate ad un centro fitness e circa il 37% della popolazione è in sovrappeso. Dati interessanti che fanno riflettere sulle potenzialità del settore ed in particolare del segmento “dimagrimento”.

C’è da sempre bisogno di soluzioni in grado di invogliare un maggior numero di persone ad andare in palestra ed il metodo Slim Belly, un “prodotto” tedesco da pochi anni distribuito in Italia, sembra proprio esserlo.

Slim Belly fa bene all’utente finale, in grado di perdere peso in tempi ragionevoli, e a chi gestisce la palestra, grazie a nuovi fatturati.

Il Metodo è stato testato scientificamente con un brevetto europeo denominato “Airpressure Bodyforming” (UE EP 2020 979) presso l’istituto austriaco IMSB (Istituto Consulenza Medicina dello Sport). In tutta Europa oltre 300.000 persone hanno ottenuto risultati eccezionali, in oltre 950 strutture esclusiviste distribuite su tutto il territorio comunitario.

Il metodo di lavoro è semplice e alla portata di tutti e si sviluppa con soli 30/40 minuti di allenamento cardiovascolare, 3 volte alla settimana, utilizzando l’attrezzo Slim Belly, accessorio fondamentale del metodo “Airpressure Bodyforming”.

Un massaggio a pressione alternata di Slim Belly (addome) e Slim Legs (cosce e glutei) favorisce la circolazione sanguigna interessando in particolare il tessuto cutaneo e lo strato lipidico. Insieme all´allenamento cardiovascolare e in combinazione con un’alimentazione equilibrata, si ottengono successi visibili in poche sedute!

Il metodo Slim Belly è facilmente attivabile in qualsiasi struttura dotata di attrezzi cardiovascolari come la cyclette, tappeto, step, ellittici ecc. e per dimostrare l’eccezionale efficacia sia dei risultati tecnici che commerciali, il sistema viene proposto per il mercato Italiano con la formula Rischio Zero!

Ogni struttura potrà quindi valutare i benefici dell’intero sistema senza rischi imprenditoriali e valutare con calma l’opportunità di diventare esclusivista di zona con ulteriori vantaggi. Durante un periodo di prova il centro fitness verrà fornito dei macchinari Slim Belly gratuitamente per circa 2 mesi, che permetterà di soddisfare circa 100 clienti. Grazie al corso di formazione full immersion in house e agli strumenti marketing (kit esterno e kit interno) oramai collaudati il successo è assicurato.

L’esperienza dei primi centri già attivi in Italia dimostra che il sistema Slim Belly soddisfa le richieste dei clienti interni, e attrae un nuovo target di potenziali abbonati.

I vantaggi a diventare partner Slim Belly li abbiamo chiesti ad Alessandro Aru, direttore generale della società licenziataria di Slim Belly in Italia: “Con Slim Belly le palestre non dovranno più accontentarsi di un esiguo 7% della popolazione frequentante, ma potranno rivolgersi al 93% delle persone non frequentanti. Il fatturato del fitness club subirà un notevole incremento con una media di  circa 100€ a pacchetto venduto e sarà possibile creare nuovi abbonamenti ed aumentare la media contratto. La cosa più importante, continua Aru,  è che un fitness club potrà distinguersi dalla concorrenza offrendo agli abbonati una nuova attività che risolve un problema decisamente importante per tante persone ossia quello dei chili in eccesso. I successi saranno reali e dimostrabili in pochissimo tempo e la palestra non sarà più interessata a partecipare alla battaglia dei prezzi contro la concorrenza.”

Leggi anche questo interessante articolo: Come incrementare i prezzi degli abbonamenti in palestra

Contatta direttamente Alessandro Aru per maggiori info compilando il modulo

 

]

4 pensieri su “Slim Belly fa perdere i chili ma fa aumentare il fatturato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *